L’ Italia è uno degli Stati più amati in tutta Europa, ma è doveroso ammettere che ,come tutti, presenta degli scandali…

Partiamo da quando la Snai , una delle maggiori società di betting, ricevette giocate per oltre 200.000 euro sulla partita Chievo-Catania e quando da mercoledì aveva deciso di chiudere la possibilità di scommessa per il pareggio (1-1). Non sono pazzi, ed è lo stesso quotista Nassi a spiegare l’evento: “«Senza voler dare giudizi, è come una specie di giallo in cui cerchiamo di trovare il colpevole. E ci sono una serie di indizi convergenti».

«Noi sappiamo come difenderci perché conosciamo questo tipo di situazione: non dico che capita spesso, ma si è già verificata in passato – afferma l’esperto -. Ma come fanno ad accettarla i tifosi, quelli che vanno allo stadio?»

Così come la Snai, anche Betfair e tanti altri bookmakers sono stati costretti a sospendere le scommesse sulla partita sulla quale alla fine sono stati spesi milioni di euro! Un traffico di soldi talmente voluminoso che la Figc ha deciso di aprire un’inchiesta anche perchè la partita, guarda caso, è terminata veramente 1 a 1.

Calciopoli II? Speriamo proprio di no…

Vai via così presto? Leggi questi articoli:

  • Camoranesi e Schiavone: trova le differenze!
  • Il portiere finisce in ospedale..
  • Un autogol per colpa del vento..
  • Morta la figlia di Nicolò Fabi per Meningite Fulminante
  • Sicilia: Dopo la pantera ecco arrivare il pitone..